fbpx

L’importanza della Fascia nella pratica dello yoga

da | 3 Ago 2023 | Yoga

Sono veramente poche le persone  che ad oggi hanno un ‘idea vaga di cosa sia la fascia. Eppure, questi filamenti bianchi apparentemente insignificanti sono presenti in tutto il nostro corpo!

Per dare un’idea dell’importanza di questo tessuto, possiamo immaginarla come un tuta che riveste tutto il corpo. Offre al corpo un’unità anatomica e funzionale. Quando guardiamo uno scheletro, abbiamo l’impressione che il nostro corpo sia inizialmente costituito da ossa e che la nostra rete muscolare sia costruita attorno a questo scheletro. Ma in realtà, se togliamo la fascia crolla tutto! La fascia svolge un ruolo fondamentale nel sostenere e mantenere la forma del corpo e molto altro ancora.

Una rete di tessuti connettivi

Le fasce, chiamate anche tessuti connettivi , rappresentano tutti i tessuti che avvolgono la maggior parte delle strutture del corpo: muscoli, nervi, ossa, vasi sanguigni, visceri. Separano e allo stesso tempo collegano tutte queste strutture insieme. Per spiegare cos’è il tessuto fasciale ai suoi studenti, Carla Stecco, professoressa di anatomia all’Università di Padova in Italia, seziona un pompelmo in sala operatoria!  Stecco spiega che le diverse strutture che separano i quarti e sostengono la polpa del frutto sono una buona rappresentazione delle fasce che circondano i muscoli del corpo.

La ricercatrice italiana, ha basato il suo lavoro sulle dissezioni che le hanno permesso di comprendere meglio l’organizzazione di questi tessuti, che formano una vera e propria rete nel corpo.

Ogni organo, ogni sistema di organi, ogni muscolo, ogni fibra muscolare, ogni legamento, ogni membrana sinoviale e persino ogni cellula isolata ha un involucro costituito da tessuti connettivi.  Per la maggior parte di esse le fasce non hanno confini ben definiti, ma al contrario si compenetrano formando un continuum tra loro. Questa rete fasciale è come una magnifica tela di ragno bagnata, tridimensionale, cristallina e ininterrotta, fatta di collagene, elastina e sostanza extracellulare.

Il collagene  fa parte di una famiglia di cosiddette proteine ​​strutturali, il più delle volte presenti in forma fibrillare . Queste proteine ​​hanno la funzione di conferire ai tessuti resistenza meccanica allo stiramento.

A differenza dell’elastina , presente anche nei tessuti connettivi, il collagene è inestensibile e resiste bene alla trazione.

Composta da oltre il 68% di acqua, la fascia ci consente di gestire i vincoli fisici, come la gravità o le sollecitazioni meccaniche. Quando è nella sua forma ottimale, idratata e mantenuta, è fluida, dinamica, reattiva e ci permette di essere in piena salute.

La fascia sana è strutturata come gel, umida, morbida, scivolosa e trattiene l’acqua come una spugna. Quindi maggiore è la concentrazione di acqua, più le fasce avranno una consistenza gelatinosa.

In caso di disidratazione, invece, i tessuti non scivolano più gli uni sugli altri, le fasce e i muscoli non svolgono più il loro ruolo di ammortizzatori, le loro qualità elastiche e di rimbalzo sono compromesse. Anche le funzioni neurologiche ne risentono: perdiamo la nostra capacità di “riprenderci”. Causando cosi  dolore e lesioni diffuse.

Una chiave per la salute

I ruoli svolti dalla fascia sono così importanti e vari che molti sintomi finora fraintesi dalla medicina hanno la loro origine in una disfunzione da qualche parte nella fascia.

Ora che sappiamo che aspetto hanno e di cosa sono fatti, vediamo quali sono queste funzioni che li rendono un organo fondamentale per la nostra salute.

– Proteggono e sostengono il corpo, ne dichiarano la forma.

– Sono essenziali per la comunicazione tra i muscoli.

– Collegano i muscoli allo scheletro.

– Sono responsabili della trasmissione di energia, tensione e rilassamento, nonché del grado di estensione durante ogni movimento.

– Riforniscono gli organi, perché tutti i vasi, come le arterie, le vene, il sistema linfatico, ma anche i nervi, passano attraverso le strutture delle fasce.

– Sono importanti per la percezione del proprio corpo ( propriocezione ).

– Fanno parte del sistema immunitario .

– Influenzano il nostro umore e lo riflettono.

– Regolano lo scambio termico.

Le fasce sono molto sensibili a tutte le forme di aggressione fisica, psicologica o biologica.

Durante lo stress , la fascia è così rigida, così tesa e così immobilizzata. Questa reazione di adattamento è in teoria reversibile, ma è frequente che le tensioni si assestino e perturbino l’equilibrio generale dell’organismo. Se instaura una fragilità che permette di aumentare lo sviluppo della patologia.

Così, per nominare solo questo sintomo, alcuni mal di schiena precedentemente inspiegabili hanno origine in un cattivo stato delle fasce.

Fascia e yoga

Di norma, la fascia contratta, indurita e annodata non cambia formato in poco tempo . Come abbiamo visto, le fibre di collagene non sono elastiche e rimetterle nella giusta forma richiede un po’ di pazienza.

Esistono molte tecniche che contrastano efficacemente sulle fasce in cattive condizioni. Il Rolfing  , una tecnica di massaggio dinamico incentrata interamente sulla rete del tessuto connettivo.

Ma uno delle pratiche più efficaci, sia per mantenere in piena salute le fasce che per curarle, troviamo lo Yoga e lo yin yoga.

Nello yin yoga il lungo mantenimento delle posizioni la pratica dello Yoga libera le vie energetiche bloccate, distende i muscoli così come il tessuto connettivo situato più in profondità.

Questo processo spinge le cellule del tessuto connettivo a sostituire a loro volta il vecchio collagene con il nuovo. Il corpo è quindi meglio irrigato e rifornito in modo più efficiente di ossigeno e sostanze nutritive. È soprattutto in presenza di dolori alla schiena che gli esercizi di Yoga hanno dimostrato il loro valore. »

Lo yoga specifico per la fascia è piuttosto passivo. Una  serie di esercizi di YIN YOGA è perfetta per lavorare sulla fascia.
Credo inoltre che ogni insegnante di yoga dovrebbe scoprire e approfondire i benefici  della fascia per offrire maggiore supporto ai propri allievi e per avere maggiore conoscenze a livello terapeutico.
La conoscenza della fascia e pratiche yoga sono applicabili non solo allo yin yoga con la tenuta della posizioni e appositi strumenti di lavoro ( come ad esempio le palline) ma anche su pratiche come ad esempio lo hatha yoga , lo yoga per la donna e lo yoga terapia.
Qui di seguito trovi il mio corso di formazione insegnanti di yin yoga e fascia riconosciuto da yoga Alliance international che ti darà la basi e le conoscenze mirate e specifiche sulla fascia e strumenti validi per la tue lezioni e per la tau pratica personale.
https://ovunqueyoga.it/formazioni/corsi-di-formazione-yin-yoga-rys-50-2/

Conclusione

Approfondire questo affascinante argomento sicuramente aprirà in te nuovi fonti di cui attingere nelle tue lezioni di yoga.
Studia e scopri e pratica i benefici infiniti della fascia.

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti e omaggi per arricchire la tua formazione (CLICCA QUI e ISCRIVITI ORA).